CONTATTI

Contatti

Lavoro nella zona di Brescia e provincia presso una delle più importanti compagnie assicurative del panorama italiano. Risponderò molto volentieri alle e-mail anche da parte di persone al di fuori del mio territorio. I residenti di Brescia e provincia possono inviarmi un’email con il numero di telefono e il comune di residenza se vogliono essere ricontattati telefonicamente.

e-mail: michele@studiobevilacqua.org

Annunci

25 thoughts on “CONTATTI

  1. Cortese sig. Bevilacqua,

    titolare di polizza del capofamiglia, vorrei chiederLe se Le è possibile rispondermi, entro quanto tempo dalla segnalazione all’assicurazione, effettuata nei termini e nei modi dovuti, dovrebbe essere liquidata dall’istituto la somma spesa a seguito di un risarcimento di un danno a terzi causato da un mio familiare convivente.
    Preciso che effettuavo una prima segnalazione il 17.03.2009, una seconda con il preventivo di spesa inviatomi dalla controparte il 29.07.2009 e una terza e ultima il 14.01.2010 con la fattura originale.
    Non sono mai stato contattato dalla mia assicurazione.
    Distinti saluti.
    Bassano del Grappa, li 06.04.2010

    Claudio Salmaso

    • Buongiorno Sig. Claudio,
      non ha tutti i torti nell’essere perplesso sui tempi di liquidazione… ha provato a chiedere se il danno che ha denunciato è risarcibile? Poichè i tempi mi sembrano talmente dilatati mi sorga il dubbio che ci sia un problema sulla risarcibilità del danno. In questi casi comunque consiglio sempre di rivolgersi al proprio agente assicurativo che in breve tempo Le farà avere sicuramente notizie più precise e dettagliate. Mi tenga aggiornato in caso di ulteriori sviluppi.
      Distinti saluti

  2. Gent.mo Sig. Bevilacqua,
    ho due polizze assicurative con due compagnie assicurative diverse, ho avuto un infortunio e devo inoltrare alle compagnie i certificati medici rilasciati dal pronto soccorso e dal mio medico curante. Ad una compagnia posso mandare gli originali ma per l’altra come devo fare? posso mandare i certificati in copia conforme? se si chi mi deve fare la copia conforme? devo inviare anche i referti clinici?
    Ringrazio per l’attenzione e porgo cordiali saluti
    Simona

  3. Gentile Sig. Bevilacqua,

    spero possa aiutarmi a capire un po come comportarmi con una Polizza XXXXXXXX. Ho stipulato la polizza in data 25/02/2001 per una durata di 20 anni. Il premio bimestrale cambia con l’inflazione quindi non è fisso.
    Io vorrei sapere adesso se mi conviene bloccarla o continuare a pagare per tutti i 20 anni visto che chi ci guadagna solo l’assicurazione. Adesso lo so 🙂

    Grazie per una Sua eventuale risposta.

    Cordiali Saluti.

    Mario

    • Non ho capito di che polizza si tratta, ma se è una polizza del ramo danni (casa, infortuni etc..) Le anticipo già che (se non è stata riformata e resa poliennale dopo la modifica della legge Bersani avvenuta nel luglio 2009) Lei può disdirla annualmente (avendo già pagato tre annualità prima del 2007). Anche se l’avesse riformata, ora la poliannualità dura al massimo 5 anni e quindi potrebbe disdirla comunque prima del 2020.

      Cordiali saluti

  4. salve, in brevi ,nel 2011 ho fatto un incidente domestico e un altro incidente stradale a distanza di pochi giorni , avendo un ass. contro gli infortuni , ho fatto due perizie legale privati , il medico ha attribuito 4 punti ad ogni infortunio , il medico legale del assicurazione ha attribuito 2 punti ad ogni infortunio , e visto che la mia ass. con franchiggia di 3 punti mi hanno pagato solo le spese mediche . dopo la chiusura del caso di circa un mesi mi sono sentito male alla schiena che e stata dichiarata danneggiata in tutti due incidenti e adesso mi trovo in malattia dal ps per sciatalgia , ma sono passati 15gg e sto ancora a letto .
    posso aprire ancora il caso ? la procedura ? ( l’ass. ancora valida )
    visto che la schiena risulta in precedente del’incidenti danneggiata , ma adesso e aggravata .possa essere un problema per la valutazione ?

    N.B , qualche giorni fa mi arriva una raccomandata da Roma dicendo avvalendoci della facolta prevista dalle condizioni generali ,le notifichiamo disdetta del contratto per la scadenza del 28/42012 . come mai? non devo mandare anche’io la disdetta ? Grazie della Sua pazienza e mi scuso del mio italiano .

    • Se il sinistro è stato chiuso e ha firmato l’accettazione della liquidazione non può più fare nulla..
      In genere in ogni contratto, a seguito di sinistro, ambo le parti hanno facoltà di disdirlo..

  5. buona sera, mi chiamo monica
    due anni fa sono caduta mentre facevo la spesa dentro un mercato di ortofrutta.
    nonostante la forte botta aiutata mi sono rialza e zoppicando e sono andata via.
    anzichè andare al pronto soccorso mi sono recata subito a casa e dopo 2 giorni mi sono rivolta al mio medico curante. intervenendo con anti infiammatori e impacchi mi prescrive una risonanza.
    da questa risulta il menisco rotto . contatto l’assicurazione del mercato scrivendo l’accaduto e che avrei provveduto a fare avere tutta la documentazione.ripeto dopo 2 anni chiamando io l’assicurazione prendo appuntamento con il medico legale che non solo pur visitandomi mi dice che x lei è opportuno anche una visita di un ortopedico da parte della assicurazione x decidere se devono liquidarmi.
    la cosa a me più fastidiosa è che sempre l’assicurazione mi contesta di non essermi recata al pronto soccorso quindi rischio il mancato risarcimento è vero?
    grazie monica

    • Purtroppo si… in genere è previsto un “passaggio” dal pronto soccorso, quindi potrebbero contestarLe l’infortunio… Si faccia aiutare da qualche società che si occupa della difesa del consumatore in caso di sinistro…

  6. Gent.mo
    posso spiegarle una cosa successami ce mi ha lasciato allibita? Sospensione assicurazione. Alla scadenza dell anno causa lutto familiare mi sono dimenticata di contattare l assicurazione. Quando l ho fatto mi hanno detto che assicurazione ma sopratt l ATTESTATO di merito erano oramai nn più validi. Questo succedeva un annofa. Cosa c entra l attestato di merito con l assicurarsi ? Grazie se saprà dirmi qlc.

  7. Gent.le sig. Bevilacqua,
    vorrei il parere di un esperto in una situazione che non mi e’ chiara.. ho fatto un sinistro con responsabilità paritaria, il perito una volta visionata la mia auto ha detto che mi spetterebbe un rimborso di 250euro per sostituzione paraurti. dopo un mese mi arriva l’atto di liquidazione dove mi si dice che da accordi intercorsi la somma che mi rimborsano e’ di 75 euro.. chiedo spiegazioni al mio attuale (ancora per poco) assicuratore e mi dice che da quei 250 devo decurtare l’iva se non presento fattura di riparazione e poi dividere la somma per due e togliere un eventuale degrado dell’auto. Son d’accordo sull’iva ma non capisco il “dividere per due il danno”..responsabilità paritaria non significa che ognuno si paga proprio danno? perche devo anche dividere per due il mio? al momento non firmo nulla perchè non sono d’accordo.
    Grazie cordiali saluti.

    • Lei può anche non essere d’accordo ma è così che funziona.. Se vi è corresponsabilità Lei si accolla il 50% del suo danno. Inoltre, se non presenta fattura l’IVA non può essere pagata (perchè è un’imposta che non ha ancora pagato e non è detto che pagherà se non decide di riparare il mezzo). Infine il degrado d’uso del mezzo.. se le sostituiscono un pezzo che aveva qualche anno con uno nuovo Lei ha un arricchimento patrimoniale e quindi la differenza non Le può essere pagata; se in futuro deciderà di acquistare una garanzia “collisione” per evitare di pagare anche la Sua parte in caso di sinistro con torto (parziale o totale), Le suggerisco di acquistarla a “valore a nuovo”.

      Buona giornata

  8. Gent.le sig. Bevilacqua, buongiorno
    sono titolare di un’assicurazione infortuni da 5 o 6 anni, nel gennaio del 2012 movimentando delle balle di fieno , il braccio mi si è girato all’indietro
    Dopo i raggi del pronto soccorso che non avevano evidenziato nulla, passato poco meno di un mese feci la risonanza magnetica che evidenziava ampia rottura del tendine sovraspinoso con breccia di rottura superiore a tre cm, e
    metteva in luce anche fenomeni degenerativi.
    L’assicurazione non vuole pagare perchè asserisce che essendovi fenomeni degenerativi, si tratterebbe più di malattia che di infortunio.
    Il fatto è che qualche mese prima avevo avuto uno strappo che avevo trascurato e non avevo denunciato come infortunio.
    Secondo Lei ho diritto a indennizzo ?

    • L’infortunio ai tendini è sempre una “zona grigia” in ambito assicurativo poichè è sempre molto difficile stabilire dove arriva l’infortunio e dove la degenerazione degli stessi. Non sono un medico e non so dirle se e quanto diritto ha all’indennizzo. Può farsi fare una perizia di parte da un medico specialista..

  9. BUONGIORNO,
    SONO STATO INDENNIZZATO CON UNA SOMMA RIDICOLA E NON EQUA, NONOSTANTE IO ABBIA MANDATO TUTTA LE CERTIFICAZIONI MEDICHE E LE SPESE MEDICHE , IN ORIGINALE, ED ESSERE STATO SOTTOPOSTO A VISITA MEDICO.LEGALE.
    pERTANTO , L’ASSICURAZIONE SENZA AVERMI FATTO UN’OFFERTA , MI H RISARCITO SENZA DARMI SPIEGAZIONI.
    PRECISO CHE SI TRATTA DI UNA POLIZZA PRIVATA PER INFORTUNI.
    CORDIALITA’

    • Se ritiene l’indennizzo non adeguato non firmi nulla e mandi una raccomandata in cui comunica che accetterà l’importo quale anticipo di somma da concordarsi. Se le cifre di cui si sta discutendo sono rilevanti si faccia seguire da un professionista del settore.

  10. la ringrazio per la risposta,ma non mi hanno inviato alcuna quietanza da firmare. hanno fatto tutto di loro spontanea volontà.grazie e saluti

  11. HO INVIATO UN ESPOSTO, MA NON RISPONDONO.CHIEDERANNO L’ARBITRATO PER FARMI SPENDERE SOLDI , TANTO LORO NON PAGANO NE’ AVVOCATI Nè DOTTORI. ANCHE QUESTA è L’ITALIA. CORDIALITA’

  12. Salve,

    nel mese di settembre 2014 ho preso una storta a causa di una buca in un cortile privato e mi sono rotta il 5°metatarso del piede dx. Dopo due mesi presento certificato di chiusura sinistro alla mia assicurazione con postumi.Ad oggi in seguto al sinistro ho grossi problemi motori in quanto i tendini sono ancora infiammati e non riesco a camminare .Il piede si gonfia ancora. Come posso inserire queste visite e terapie per riattivare la corretta mobilità del piede dato che avevo presentato certificato di chiusura?

    Premetto anche che essendo dipendente amministrativa nella ditta di mio marito non sono andata in malattia ed ho lavorato da casa, questo inciderà sul pagamento dell’assicurazione?

    Grazie

    Cristina

    • Se è stato chiuso trovo difficile che si possa riaprire.. dipende dalle carte che ha firmato. Se le hanno già fatto la visita di parte, hanno già valutato il danno con relativa liquidazione da lei accettata.. dubito che si possa fare qualcosa

  13. Inviata da Windows Mail
    Gent.mo Sig. Michele,
    Ho stipulato con XXXXXXXXX da otre 40anni un’assicurazione infortuni.
    In seguito ad una rovinosa caduta all’estero ho rotto il femore e sono stato operato ( solo dopo aver inviato bonifico bancario )e rimpatriato con aereo. Fin qui tutto bene.
    Ho poi dovuto sottopormi a parecchie terapie per il recupero della mobilità e alla fine del percorso il medico legale mi ha attribuito un certo punteggio. Ora sono in una situazione assurda poiché l’assicurazione mi nega il rimborso di € 8000 documentate con fatture , poiché ho portato in detrazione (19%) le spese mediche sostenute nel mio 730 del 2013 come ritenevo di dover fare.
    Nessuno mi ha detto che non avrei dovuto e sapendolo certamente non mi sarei accontentato di circa €1530 ( comprensivo di altre spese non riguardanti l’infortunio) a fronte di una copertura spese di € 10mila.
    Cosa posso fare?
    Mi devo rivolgere ad uno studio legale o l’assicurazione ha ragione ? È i punti attribuitemi dal me dico legale? Nessuno parla ,nessuno risponde alle mie Mail,e spesso mi viene detto che l’impiegata che segue la mia pratica è in malattia.( come oggi )e intanto son passiti due anni.
    Grazie per la cortese attenzione
    Perdoni G.mario

    • Purtroppo conosco bene la compagnia con cui ha stipulato la polizza (da me censurata per correttezza nella sua domanda..).. non aggiungo altro a proposito..
      Ad ogni modo per quanto riguarda il rimborso spese mediche siamo in un campo fiscale e sinceramente mi trova impreparato.. ad ogni modo mi trova d’accordo sul fatto che suona molto come scusa.. anche perchè sarà un problema suo di evasione fiscale, ma ha comunque diritto al risarcimento.. se riesco approfondisco e le faccio sapere..
      Per il resto le consiglio di inviare una lettera di sollecito sia all’agenzia che alla sede legale della compagnia scrivendo che in caso di mancato riscontro si rivolgerà all’ente di vigilanza preposto (nel caso l’ivass).. mi tenga aggiornato.

      Buona giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...