GARANZIA AFFITTI

La garanzia inaffittasi si o no oggetto è una garanzia del “dare”. Essa è finalizzata al sonno tranquillo del proprietario per tutta la durata del contratto di affitto poiché avrà la certezza del pagamento del canone mensile e del pagamento delle spese condominiali; nella pratica quotidiana, in assenza di fideiussione, laddove l’inquilino, per i motivi più disparati, non possa o voglia pagare regolarmente quanto contrattualmente dovuto, il proprietario di casa vede normalmente sfumare il suo credito, con danno economico e spesso anche beffa dell’inquilino, che, nella vacanza di adeguati strumenti giudiziari, gode tranquillamente e gratuitamente il bene altrui per diversi mesi o anni. Nel frattempo, oltre al mancato guadagno, il proprietario deve anche accollarsi le spese condominiali che aumentano mese dopo mese, le imposte sulla casa e le tasse su un canone di affitto che non percepisce.

Ulteriori aspetti positivi..

1 – Di fronte ad una richiesta di sottoscrizione di una fidejussione a garanzia affitto, l’inquilino si farà un esame di coscienza; e le statistiche confermano che, se l’inquilino sospetta dentro di sé di non pagare qualche mensilità, allora sarà lui stesso a scegliere un altro proprietario che non gli faccia stipulare la fideiussione, sapendo benissimo che se il proprietario difficilmente lo porterà in tribunale, il garante lo farà sicuramente e senza problemi.

2 –  Se l’inquilino accetta la fideiussione, dovrà presentare al garante una serie di documenti che verranno passati al setaccio dal garante stesso, verificando insieme sia i precedenti eventuali dell’inquilino che la capacità economico-finanziaria; insomma, sotto la lente d’ingrandimento del garante, si verifica lo scoring del potenziale inquilino, aiutando quindi ulteriormente il proprietario nella migliore scelta.

3 – Di fronte al mancato pagamento di canone e/o spese condominiali, il proprietario, secondo le procedure indicate in garanzia, potrà procedere con l’apertura del sinistro e richiedere l’escussione.

sul mercato possiamo trovare garanzie “a perdita definitiva” (cioè, il proprietario può ottenere il suo credito solo previo “passaggio in giudizio”, quindi solo dopo un certo periodo di tempo), e quelle cosiddette “a prima richiesta”; in questo caso, il garante, accertati i mancati pagamenti dell’inquilino, senza andare previamente in giudizio, si sostituisce a quest’ultimo nel pagamento mancato e si rivale successivamente sullo stesso in via giudiziale; l’esito è ovviamente scontato: l’inquilino pagherà sia quanto saldato dal garante al proprietario, sia gli interessi di mora, che le spese legali, proprie e del garante, nonché tutte le spese giudiziarie.  Mi sembra superfluo specificare quale sia quella preferibile da far sottoscrivere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...